lady cinema

guida pratica per attivare le tue lenti femministe

In arrivo

Quando ci mettiamo comode per vedere un bel film, vogliamo divertirci, essere stimolate, immergerci in altre vite. Ma come vengono rappresentate le donne sul grande schermo? Perché sembra spesso che le personagge  siano stereotipate e create a favore dello sguardo maschile? Che ruolo hanno le donne dietro e davanti alla macchina da presa? Il libro sarà disponibile dal 21 luglio!

Il prodotto non è attualmente in magazzino e non è disponibile.

info

ISBN (brossura) 979-12-80559-02-9

ISBN (ebook) 979-12-80559-03-6

Data di uscita 21 luglio 2021

Dimensione 10,5 x 15,5 cm

Grafica Hanna Suni

Pp. 172

Scarica Copertina libro

Scarica Scheda libro

COD: 002 Categorie: ,

descrizione

Quando ci mettiamo comode per vedere un bel film, vogliamo divertirci, essere stimolate, immergerci in altre vite. Ma come vengono rappresentate le donne nel grande schermo? Perché sembra spesso che le personagge siano stereotipate e create a favore dello sguardo maschile? Che ruolo hanno le donne dietro e davanti alla macchina da presa?

Per essere delle cine-spettatrici più consapevoli dobbiamo allora indossare un bel paio di lenti femministe. Da Alice Guy, regista del primo film narrativo nel 1896, al New Queer Cinema, passando per la Feminist Film Theory, Lady Cinema è una guida brillante sulla storia delle donne dietro e davanti allo schermo. E molto di più: offre tanti strumenti pratici per valutare quello che state vedendo, dal Bechdel test alla Sindrome di Puffetta, dal Clit test alle regole dell’inclusività, e trenta schede di film da non perdere. La prefazione di Marina Pierri, scrittrice e critica televisiva, è la ciliegina sulla torta.

leggilo se

  • vuoi sapere cos’è la sindrome di Puffetta
  • sei stanca di vedere film con orgasmi inverosimili
  • ti interessa conoscere più donne registe
  • sei alla ricerca di film femministi da divorare sul divano

Siamo state abituate a vedere film di supereroi in cui le donne sono sempre le compagne, le fidanzate, le zie del superuomo di turno; Lois Lane per Superman, l’amante di turno per Batman, la dolce zia May per Spiderman, tutte più o meno inconsapevoli della doppia identità del loro congiunto. Devono avere gli occhi foderati di prosciutto e tappi nelle orecchie grossi come cocomeri per non accorgersi che il mitico Clark,  Bruce, o chi per lui, si nasconde sotto una maschera, spesso anche poco coprente.

Torna su