come volano le api

Come volano le api è una distopia antispecista che ci immerge nelle paure e nei pensieri ribelli della sua protagonista contro la deriva, assurda, della specie umana.

Vincitrice del premio speciale "Miglior opera distopica" XIII Concorso Grottammare - Franco Loi

6,00 14,00 

Svuota

info

ISBN (brossura) 979-12-80559-06-7

ISBN (ebook) 979-12-80559-07-4

Data di uscita 1 dicembre 2021

Dimensione 13 x 20 cm

Grafica Hanna Suni

Pp. 140

Formati brossura e ebook

Scarica scheda libro

descrizione

In un tempo indefinito, il mondo vive le conseguenze di un morbo causato dallo sfruttamento sfrenato delle risorse naturali: la popolazione, dimezzatasi, per evitare l’estinzione della specie decide di creare dei centri di allevamento di esseri umani. Secoli dopo, a pandemia conclusa, gli allevamenti si sono trasformati in vere e proprie riserve di caccia dove, al posto di animali, vi sono quelli che vengono chiamati subumani. Non tutti, però, in questi luoghi di morte e divertimento sadico, svolgono passivamente il loro lavoro: sarà il volo silenzioso ma tenace delle api e l’incontro nella Riserva con la subumana Bianca a cambiare per sempre la vita e lo sguardo sulla realtà dell’infermiera Carla Ferretti. Sullo sfondo del ricordo della sorella, un incontro casuale con un allevatore di api e i movimenti di protesta contro la Riserva, Come volano le api ci immerge nelle paure e nei pensieri ribelli della sua protagonista contro la deriva, assurda, della specie umana.

Vincitrice del premio speciale “Miglior opera distopica” XIII Concorso Grottammare – Franco Loi

 

leggilo se

  • vuoi tuffarti in un mondo post-pandemico, in cui la tecnologia è in mano a pochi potenti e la gente ha smesso di porsi domande
  • sei appassionata di api, di natura e conservazione
  • hai letto Sirene di Laura Pugno e Carla di Scrubs ti è rimasta nel cuore

Guarda il book trailer

recensioni

Con questa storia stratificata, Chiara Castello si riconnette a un chiaro filone concettuale, quello della distopia femminista antispecista, e richiama una ricca pluralità di intrecci, di letture, di voci. 

Giulia Abbate

Come volano le api” è un libro urgente. Nel senso che ci ricorda l’importanza di combattere qui e ora per scongiurare un futuro come quello simile, magari senza Riserve per esseri umani, ma col rimpianto di quello che avremmo potuto fare. […] Quello che per tutto il libro si legge in filigrana è che occorre porre un freno al bieco egoismo umano, pena la perdita di tutto ciò che è importante. 

Sara Rossi (Il Giornale dell’Ambiente)

 

Ginevra Amadio recensisce Come volano le api su Sapereambiente.it

Come volano le api nelle segnalazione di libri in uscita per dicembre 2021 su Rivista Blam

La recensione di Come volano le api firmata da Simone Bonaccorso su Fantasy Voice

Giulia Abbate parla del romanzo e della sua postfazione sul suo blog

Arianna Campione recensisce Come volano le api su La Bottega dei Libri

Sara Rossi recensisce Come volano le api su Il Giornale dell’Ambiente

Maria Rita presenta l’anteprima di Come volano le api su La Bottega dei libri 

Libreria Colapesce di Messina inserisce Come volano le api nel primo Cantiere della lettura 2022

Blogger Nuisia Raridi recensisce e mette in scena Come volano le api con le sue fotografie 

Blogger Pennerosaecioccolata parla di Come volano le api sul suo profilo

Martina Da Ros racconta Come volano le api su Fika Podcast

Susanna Gustinetti parla di Come volano le api su Quarte di copertine

Veronica Rosazza Prin racconta Come volano le api sul suo blog

Ladarling_redattore recensisce Come volano le api su Insta

Il Resto del Carlino segnala la partecipazione di Come volano le api al concorso Dolores Prato

Angela Bernardoni recensisce Come volano le api su Stay nerd

Donatella Vassallo intervista Chiara Castello per Vivere naturale

Recensioni su Goodreads

Recensioni su Amazon

«Mi sveglio e sento un braccio cadere sul pavimento con la mano e tutte le dita attaccate, mi chino lo raccolgo, lo rimetto al suo posto riparto lungo il corridoio. Raddrizzo il crocifisso appeso in cucina incurante del sangue che sgorga a fiotti.»

Torna su