patrizia cavalli

patrizia cavalli
patrizia cavalli

Tempo di lettura: < 1 minuto

«Ah, ma è evidente, muoio,
Sto per morire, che siano giorni
o anni, sto per morire,
muoio. Lo fanno tutti,
dovrò farlo anch’io. Sì, mi conformo
alla regola banale. Però intanto,
tra un sonno e l’altro finché esiste il sonno
(solo chi è in vita gode del suo sonno)
guardando il cielo, girando gli occhi
intorno, in questi istanti incerti
io sono certamente immortale».

Buon viaggio, Patrizia Cavalli, poeta immortale.

le plurali editrice
Torna in alto