6.3. Sette peccati necessari ad Atripalda

sette peccati ad Atripalda
sette peccati ad Atripalda

Tempo di lettura: < 1 minuto

mercoledì 6 marzo alle ore 18.00

Officina Lab Avellino (Contrada Novesoldi 10/A, Atripalda)

La traduttrice e l’editrice Beatrice Gnassi si collegherà in dialogo con la scrittrice Emilia Bersabea Cirillo e giornalista e comunicatrice pubblica Alessandra Iannuzzi, per parlare dei temi del saggio dirompente, Sette peccati necessari, di Mona Eltahawy. L’incontro avverrà all‘Officina Lab Avellino (Contrada Novesoldi 10/A, Atripalda) mercoledì 6.3. alle ore 18. L’evento è organizzato dall’ARCI di Avellino

 

 

Sette peccati necessari, pubblicato in lingua originale nel 2019, dopo un successo internazionale, arriva in Italia grazie alla casa editrice indipendente le plurali, nata nel 2021 con l’obiettivo di valorizzare la voce autoriale e la professionalità delle donne, in un’ottica intersezionale e internazionale. 

Quali sono i sette peccati che le donne devono commettere per essere libere? Rabbia, attenzione, volgarità, ambizione, potere, violenza, lussuria. Mona Eltahawy ribalta il punto di vista delle donne attraverso la consapevolezza, elenca dati, numeri e avvenimenti simbolo della violenza di genere in tutto il mondo, racconta la storia e l’ispirazione di attiviste, che hanno sfidato il sistema in Cina, India, Uganda, Brasile, ma anche nel mondo Occidentale, negli Stati Uniti in primis. 

Mona Eltahawy, come scrive nella sua prefazione al libro l’autrice Igiaba Scego, candidata quest’anno al Premio strega, «costruisce non solo un vocabolario di lotta e rivoluzione, ma crea un nuovo linguaggio dove i corpi, qualsiasi sia la propria concezione di sé come genere, appartenenza o geografia, costruiscono una rivoluzione personale che è pronta a diventare universale». 

Torna in alto